www.aboutturin.com - guida di Torino - HOME | CONTATTACI | MAPPA DEL SITO

About Turin: La tua guida alla citta' di Torino About Turin: your guide to the city of Turin
icona albergo
Arrivo
Partenza
Migliore tariffa garantita
Prenota on line,
paga in albergo!

Sacra Sindone di Torino


La Sacra Sindone di Torino

La Sindone di Torino, nota anche come Sacra o Santa Sindone, è un lenzuolo funerario di lino, giallo ocra, conservato nel Duomo di Torino, sul quale è visibile l'immagine di un uomo che porta segni di maltrattamenti e torture compatibili con quelli descritti nella Passione di Gesu'.

STORIA DELLA SINDONE

La Sindone, probabilmente l'oggetto più studiato al mondo da ogni branca possibile del sapere (storia, chimica, numismatica, palinologia, archeologia, informatica ecc.) è custodita nel Duomo di Torino dal 1578.

Secondo diverse analisi scientifiche la reliquia risale al Medioevo, probabilmente un falso costruito manualmente. La tesi scientifica è contenuta in questo articolo di Mariano Tomatis in cui si fa riferimento, in particolare, alle analisi del radiocarbonio:

"La datazione al radiocarbonio eseguita sul tessuto in tre laboratori di fama internazionale nel 1988 ha determinato che il lenzuolo risale al XIV secolo e, di conseguenza, non può che essere un artefatto

....

Lo stesso cardinale Ballestrero, che nel 1988 seguì le prove di radiodatazione, dimostrò di accettare e adeguarsi ai risultati del test: "Penso non sia il caso di mettere in dubbio i risultati. E nemmeno il caso di rivendere le bucce agli scienziati se il loro responso non quadra con le ragioni del cuore". Accanto al lavoro condotto da scienziati "scettici" (o imparziali?), tuttavia, esiste l'intensa attività di un gruppo di sindonologi decisi, contro ogni evidenza, a dimostrare l'autenticità del telo. Le "scoperte" di costoro, tuttavia, dimostrano più un incrollabile bisogno di credere alle "ragioni del cuore" che alle evidenze sperimentali. Tipico il caso delle impronte di "monetine" di epoca romana che alcuni, come i sindonologi Baima Bollone e Nello Balossino, sostengono di vedere sul lenzuolo e che, a detta di costoro, confermerebbero che il telo risalirebbe veramente al I secolo. Inutile dire che per i sindonologi le conclusioni ottenute con l'analisi al Carbonio-14 sarebbero sbagliate. Al di là del fatto che un falsario del 1300 avrebbe potuto benissimo lasciare delle impronte di monete romane sul telo per renderlo più credibile, la cosa più importante da rilevare è che tali impronte sono frutto dell'interpretazione di chi le vuole vedere. Luigi Gonella, fisico del Politecnico di Torino e consulente scientifico del cardinale Ballestrero, troncò ogni polemica: "Quella della Sindone è un'immagine il cui dettaglio più piccolo, macchie di sangue escluse, è di mezzo centimetro.
Come le labbra. Appare quindi molto, molto incongruente che esistano dei dettagli dell'ordine di decimi di millimetro come le lettere sulle monete. Ma si sa: a forza di ingrandire, si finisce a vedere anche quello che non c'è.
Sono soltanto loro, i cosiddetti sindonologi a scagliarsi contro il Carbonio-14. Nel campo scientifico, fisico, chimico, non c'è nessuno che abbia il minimo dubbio. Nemmeno io. Il sudario risale al medioevo".

MUSEO DELLA SINDONE

Nonostante le affermazioni della Scienza, però, la Sindone continua ad attrarre curiosi di tutto il mondo.

IL MUSEO DELLA SINDONE si compone essenzialmente di due sezioni parallele allestite nella cripta della Chiesa del SS. Sudario, una a carattere scientifico e l'altra con una connotazione storica. Nella prima vengono proposti documenti, immagini 3D, microtracce e tessuti, frutto di esperimenti volti a spiegare l'immagine sul telo.
Nella seconda si possono invece ammirare la cassetta in cui la Sindone giunse a Torino nel 1578 e la cinquecentesca teca in argento che l'ha custodita fino al 1998. La visita si conclude nella Chiesa del SS. Sudario, dov'è conservata la perfetta riproduzione della Sindone, la sola ancora visibile al pubblico a Torino.
Vi è un percorso anche per i non vedenti con tabelle tattili e oggetti da esplorare con le mani.

L'ultima ostensione, che avvenne in Mondovisione, è stata il 30 Marzo 2013.

This Page Is Valid HTML 1.1 Strict! This document validates as CSS!
© Copyright: About Torino - la tua guida turistica per la città di Torino
Webdesign and SEO by Web Marketing Team - P.I 05622420486